domenica, Giugno 4, 2023
HomeCome Guadagnare OnlineQuanto si guadagna con Jobby? Come funziona, guadagno reale, le testimonianze

Quanto si guadagna con Jobby? Come funziona, guadagno reale, le testimonianze

Quanto si guadagna con Jobby? Jobby.com

Anzi, una corsa mattutina in una calda mattina estiva e un’immagine che, come un flash, attraversava la mente di Andrea, il CEO: quella del tipico ragazzino americano che consegna i giornali in bici. Da lì, l’idea: rendere i lavori temporanei (che gli americani chiamerebbero “job”) accessibili in modo ultra veloce, grazie a una piattaforma digitale in grado di connettere, con gli stessi meccanismi delle app di dating, chi offre e chi cerca lavoro. Facile come fare uno “swipe“, innovativo come fondere l’idea di lavoro (job) con quella di passatempo (hobby), per creare un sistema che aiuti a risolvere le piccole esigenze quotidiane, da un lato, e a valorizzare le skill e la voglia di fare di ognuno di noi, dall’altro. Offerenti e worker, per la prima volta connessi direttamente in un’app: jobby.

Jobby recensioni

Lavoro Utile e stimolante

Promoter, cameriera. (Ex dipendente) – Milano, Lombardia – 12 dicembre 2019
Applicazione carina e utile per i giovani che studiano, o che sono in cerca di un lavoro fisso come nel mio caso, ma anche per i meno giovani. Offre un grande aiuto anche grazie alla gestione praticamente autonoma dei lavori. Da sicurezza nei metodi di pagamento e nei rapporti tra lavoratore e offerente.

Lavoro autonomo, a chiamata.

Artigiano (Dipendente attuale) – Marche – 1 dicembre 2021
La recensione più utile secondo Indeed
Ha di positivo che le opportunità di lavoro sono concrete. In breve tempo hanno avviato collaborazioni con almeno un paio di marchi che richiedono con una certa frequenza prestazioni di artigiani.

Aspetti positivi

Opportunità di lavoro reale, bonifici puntuali, flessibilità

Aspetti negativi

Lavoro autonomo, compensi non eccezzionali.

Jobby come funziona

Se si è in cerca di un’occupazione, basterà registrarsi definendo l’area geografica entro la quale si intende cercare lavoro: ad esempio, è possibile selezionare una città e un’area di lavoro dal raggio di circa 10 km. Compariranno così le offerte presenti nell’area e cliccando sulla singola offerta, sarà possibile conoscere i dettagli, visualizzando anche il profilo del privato o dell’azienda che sta cercando il worker. Selezionata l’offerta, basterà candidarsi tramite l’applicazione sul proprio smartphone.

L’app cerca di favorire il contatto diretto e immediato tra candidati e aziende o privati che offrono lavoro. È possibile visualizzare i profili social di coloro che rispondono ad un annuncio e parlarci direttamente tramite chat privata. Per poter partecipare a Jobby, non si paga mensilmente, ma viene trattenuto il 15% sul compenso totale del singolo lavoro. È previsto poi un programma interamente dedicato alle aziende.

12mila sono gli iscritti alla piattaforma digitale Jobby che incrocia domanda e offerta dei cosiddetti “lavoretti”. Una potenzialità che i giovani hanno intuito candidandosi nella categoria “workers”. Tra le esigenze più frequenti la consegna di pacchi postali, il ritiro di documenti, il pet sitting fino ai lavori in casa come imbiancare, stirare o curare il giardino. L’età media di chi viene arruolato è tra i 18 e i 28 anni. Per la maggior parte sono universitari: la start up è una soluzione perfetta per chi studia e ha bisogno di mantenersi o di qualche entrata in aggiunta.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments